Roma-Fiorentina, il pre-partita

Roma-Fiorentina, il pre-partita

Roma-Fiorentina. Il palcoscenico è sempre lo stesso, lo Stadio Olimpico, ma l’atteggiamento dei giallorossi dovrà essere molto diverso per riuscire a portare a casa tre punti già fondamentali per la rincorsa al quarto posto.


La Fiorentina si trova attualmente al decimo posto in classifica, a quota 7 punti. I gol segnati finora in campionato sono 10 (media di 2 a gara), 10 anche quelli subiti (media di 2 a gara). Ha collezionato 2 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte (contro Inter e Samp, le uniche due squadre che attualmente si trovano sopra in classifica). La squadra di Iachini ha effettuato 61 tiri in Serie A, di cui 27 in porta e 22 fuori e 23 cross utili e 22 sbagliati. E’ inoltre quinta per numero di assist serviti (9). I giocatori viola corrono veramente poco: sono penultimi per media di chilometri percorsi a partita (104,5). Fino a questo momento la Fiorentina ha dimostrato di essere una vera cooperativa del gol: sono già andati a segno ben 7 giocatori e il numero sale a 9 se si prende in considerazione anche la Coppa Italia. Solo Napoli e Atalanta hanno fatto meglio. I risultati degli uomini di Iachini sono migliori in casa: 2 vittorie e una sconfitta, 5 gol fatti e 4 incassati (media di 2 punti a partita, 5° miglior rendimento in campionato). Lontano dall’Artemio Franchi sono invece arrivati un pareggio e una sconfitta, 5 reti realizzate e 6 incassate (media di 0,50 punti a partita). Un’occhiata al cronometro rivela che la Fiorentina tende ad essere più pericolosa nel primo quarto d’ora di gioco (40% dei gol fatti) e più vulnerabile nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo e della ripresa (40% dei gol subiti tra il 30′ e il 45′ e tra il 75′ e il 90′). Spesso infatti la squadra di Iachini riesce subito a sbloccare il risultato, ma poi abbassa la concentrazione e subisce gol: è successo contro l’Inter, lo Spezia e l’Udinese.

Il modulo più utilizzato dalla Fiorentina di Iachini è il 3-5-2. Per il match contro la Roma il tecnico viola recupera a sorpresa German Pezzella, ancora out invece Borja Valero, fermo ai box dall’inizio di ottobre per un problema muscolare. In porta ci sarà come sempre Dragowski, poi difesa a tre composta da Milenkovic, Martinez Quarta e Caceres. Davanti Lirola, Bonaventura, Amrabat, Castrovilli e Biraghi. In attacco dovrebbe esserci invece la coppia formata da Kouamé e Ribéry. Possibile anche che Iachini decida di far partire titolare Callejon insieme all’ex Bayern Monaco, per un attacco più veloce e d’esperienza.

Dopo il turn-over di Europa League, la Roma è pronta a tornare alla formazione tipo. Tra i pali, dunque, torna Mirante e davanti a lui la difesa a tre composta da Mancini, Smallinge Ibanez. Sulla destra nuovo ballottaggio tra Bruno Peres e Karsdorp, mentre sull’out mancino è sicuro del posto Spinazzola. In mediana torna la coppia VeretoutPellegrini. Mkhitaryan e Pedro sono pronti, invece, a fare la voce grossa sulla trequarti a sostegno dell’unica punta Edin Dzeko. Alle 18 per continuare a stupire in campionato. FORZA ROMA!!



A cura di: Riccardo Di Giorgi

Ricerca nel Blog