Risoluzione contrattuale per Pastore

Risoluzione contrattuale per Pastore

Javier Pastore, il centrocampista giallorosso, è ormai da tempo ai box dopo l'operazione eseguita all'anca. La Roma dal canto suo è ormai stufa di strapagare un calciatore che ha più presenze in infermerie che in campo. 

I giallorossi potrebbero attuare la risoluzione contrattuale come riferito dall'articolo 15, comma 4, il quale riferisce quanto: "Qualora l'inabilità di un calciatore, per malattia o infortunio, si protragga oltre i sei mesi, la società può richiedere al CA la risoluzione del contratto, ovvero la riduzione alla metà della retribuzione maturanda dalla data della richiesta fino alla cessazione dell’inabilità e comunque non oltre il termine di scadenza del Contratto".  

Dunque se Pastore non dovesse tornare disponibile nei prossimi 3/4 mesi, la Roma potrebbe attuare questo piano, estremo ma utile sia al calciatore e sia alle casse della società giallorossa.

A cura di: Francesco Mazzotta.

Ricerca nel Blog