Prima sconfitta in UEL

Prima sconfitta in UEL

A Sofia la Roma scende in campo per una sgamabata che non vale davvero nulla per i giallorossi con la vittoria del girone già in tasca. Il mister di fatti vara un ampio turnover che vede l’esordio assoluto di ben due  diciottenni più l’esordio da titolare di Milanese. La gara si gioca su un campo pesante che premia subito dopo soli 5 minuti i bulgari che trovano il vantaggio con Tiago Rodrigues il quale batte l’esordiente Boer con una rasoiata potente appena al limite dell’area. I giallorossi reagiscono sfruttando al meglio l’evidente superiorità e soffocando i padroni di casa nella loro trequarti. Al ventiduesimo arriva un’altra prima volta ed è quella di Tommaso Milanese che già aveva dimostrato di che pasta fosse con l’assist a Pedro nel match contro i romeni del Cluj. Gol di pregevolissima fattura: stop e tiro in rapida successione a freddare l’estremo difensore bulgaro. Da sottolineare anche l’ottimo assist di Mayoral che nasce da una bellissima gestione di un pallone per nulla facile. Proprio quando la Roma, dominando il campo, appariva in totale gestione arrivano un paio di disattenzioni clamorose. In una prima occasione Tiago Rodrigues scatta tra i due centrali capitolini tagliando in due la difesa ma davanti a Boer sbaglia. La seconda disattenzione si rivela, invece, fatale. Black out di Diawara che perde un pallone velenoso e propizia il gol di Sowe. Giallorossi distratti e risultato sul 2-1. Nella ripresa sembra non sia cambiato molto dal punto di vista dell’atteggiamento dove la Roma si riversa all’attacco tentando di schiacciare il CSKA Sofia ma con poca decisione e fame di vittoria. Svogliatezza che nuovamente si trasforma in ingenuità e allora Fazio con un retro passaggio sciagurato serve a Sowe l’assist per la doppietta. La gara prosegue su ritmi bassi e con i giallorossi che peccano anche in lucidità e incisività negli ultimi metri. Si chiude così un match che aveva poco da dire e che comunque ci consegna il primo gol da professionista di Milanese. Oltre alle assenze, dovute ad una scelta conservativa di Fonseca in vista della gara di campionato, anche i superstiti dimostrano decisamente di essere già con la testa a Bologna. Poco male visto che la Roma si era già conquistata l’urna da testa di serie nei sorteggi per i sedicesimi. 





A cura di: Darvin Shehu

Ricerca nel Blog