Polveri bagnate (L’analisi e le statistiche di Benevento-Roma)

Polveri bagnate (L’analisi e le statistiche di Benevento-Roma)

La Roma si schianta contro il muro Benevento. La squadra di Fonseca non riesce a superare il catenaccio impostato da Inzaghi e, nonostante la superiorità numerica, non trova gli spazi per rendersi pericolosa. Un’occasione sciupata visti i risultati del pomeriggio: i 3 punti avrebbero permesso ai giallorossi di avvicinarsi maggiormente al Milan, con la possibilità di superare i rossoneri in caso di vittoria nello scontro diretto di domenica sera, e allungare ulteriormente sul Napoli sconfitto a Bergamo per 4 a 2.

Fonseca sceglie Fazio al fianco di Mancini e Spinazzola per sopperire all’emergenza nel reparto arretrato mentre in attacco torna Mayoral dal primo minuto al posto di Dzeko; il Benevento si schiera invece con l’undici titolare. La partita segue lo stesso copione per tutti i 95 minuti di gioco: i campani bassi ad aspettare la Roma facendo grande densità in mezzo al campo per poi partire velocemente in contropiede, i giallorossi di Fonseca a girare la palla per cercare lo spiraglio giusto. I ritmi bassi dovuti alla stanchezza accumulata nel match di giovedì in Portogallo e le numerosissime perdite di tempo dei giocatori di Inzaghi non permettono alla Roma di attaccare con continuità la porta di Montipò. Anche con l’espulsione il copione non cambia, nonostante le forze fresche dalla panchina e il cambio di modulo, i giallorossi non riescono ad aumentare i giri del motore, necessario per superare le due linee di difesa e centrocampo organizzate da Inzaghi. Negli ultimi minuti si aggiunge anche la frenesia di cercare la vittoria ma i lanci lunghi e i cross dalla trequarti sono imprecisi e facile preda di Montipò in uscita. Le più grandi occasioni sono nel recupero: prima Caldirola salva sulla riga di porta il tiro di Pellegrini, poi sempre il capitano della Roma in posizione di fuorigioco dà il via all’azione in cui El Shaarawy conquisterebbe rigore, poi giustamente revocato dal VAR.

Sebbene l’occasione sia stata ghiotta, l’atteggiamento rinunciatario del Benevento dimostra come ad oggi la Roma sia una delle squadre migliori in Italia, come affermato da Inzaghi sia nel pre che nel postpartita, e ciò deve dare maggiore consapevolezza ai giallorossi nei propri mezzi e alla Roma nella strada intrapresa con mister Fonseca. Le prossime settimane diranno tanto della stagione della Roma, importante farsi trovare pronti sperando di recuperare pedine importanti per lo scacchiere giallorosso.

 

 

Le statistiche della partita

   

 

Benevento

Roma

Possesso palla

29%

71%

Tiri effettuati

6

11

Tiri nello specchio

3

4

Passaggi riusciti

250

506

Legni colpiti

0

0

Corner

1

9

Falli commessi

11

18

Ammonizioni

4

1

Espulsioni

1

0

Fuorigioco

3

4

 

A cura di: Alessandro Ruggeri 

Ricerca nel Blog