Pagelle Roma-Sampdoria. Bene Veretout, male Diawara

Pagelle Roma-Sampdoria. Bene Veretout, male Diawara

Le pagelle di Roma – Sampdoria 2-1


Mirante 6,5: incolpevole sul gol, compie diverse buone parate confermandosi un secondo portiere affidabilissimo.

Bruno Peres 5,5: altalenante in fase difensiva, non riesce a spingere con efficacia e il gioco della Roma si sviluppa molto di più dalla parte di Kolarov. (Dal 60’ Zappacosta 6: approccia bene la partita dopo un lungo periodo di inattività, offre maggiori garanzie di Peres a livello difensivo e tenta anche qualche sortita offensiva).

Smalling 6: nel primo tempo non riesce a dare sicurezza ad un reparto che sbanda pericolosamente, nella ripresa torna quello pre-covid e giganteggia sugli attaccanti blucerchiati.

Ibanez 6: non approccia benissimo nella prima da titolare in maglia giallorossa, poteva fare di più per evitare il gol di Gabbiadini. Cresce nel secondo tempo, dimostrandosi una buona alternativa in difesa.

Kolarov 6,5: come spesso accade è il regista in più della squadra, ara la fascia per tutta la partita e sfiora il gol colpendo un palo su punizione.

Diawara 4,5: brutta copia del giocatore ammirato nella prima parte di stagione, regala il gol alla Sampdoria con un retropassaggio scellerato e sbaglia molti palloni. (Dal 60’ Cristante 6,5: entra col piglio giusto e regala a Dzeko l’assist per il gol che vale la vittoria).

Veretout 6,5: viene spesso a prendere palla basso per iniziare l’azione e offre il suo solito dinamismo in mezzo al campo. Trova anche un gran gol con un destro all’incrocio che Calvarese annulla per fallo di mano di Carles Perez.

Carles Perez 6: il più attivo dei trequartisti della Roma nella prima frazione di gioco, tenta spesso la giocata dribblando gli avversari. Si spegne nella ripresa, venendo sostituito da Under (Dal 72’ Under sv).

Pastore 5,5: parte bene mostrando la sua classe con una giocata da fenomeno, poi però non riesce a trovare lo spazio per incidere, finendo imbrigliato tra le maglie blucerchiate. (Dal 60’ Pellegrini 7: entra ed illumina il gioco della Roma fornendo un assist straordinario a Dzeko per il gol del pareggio).

Mkhitaryan 6: duetta ripetutamente con il centravanti bosniaco, ma non riesce a brillare come ci ha abituato in altre occasioni. Sfiora anche il gol in un paio di circostanze. (Dal 85’ Kalinic sv).

Dzeko 8: nel momento del bisogno c’è sempre, ribalta la partita con due gol al volo da campione che rendono onore al suo soprannome di cigno per la loro eleganza e che mantengono vive le speranze di un posto in Champions League.

Fonseca 6,5: la squadra parte bene ma non riesce a reagire al gol subito chiudendo la prima frazione in sofferenza. Corregge il tiro alla grande nel secondo tempo, inserendo Cristante e Pellegrini che fanno la differenza con i loro assist.

Articolo a cura di: Valerio Albertini

Ricerca nel Blog