PAGELLE Roma-Fiorentina. Veretout una sentenza 7,5, Spinazzola motorino 7

PAGELLE Roma-Fiorentina. Veretout una sentenza 7,5, Spinazzola motorino 7

Pau López 6

Dopo il passaggio a vuoto dell’ultima gara, questa volta per lui una sufficienza d’onore in quanto non viene chiamato in causa praticamente mai. In occasione del gol viola nulla può sulla zuccata vincente di Milenkovic.

Mancini 6,5

Partita granitica del centrale ex Atalanta che annulla chiunque agisca dalle sue parti. Gioca molto d’anticipo e si propone spesso in avanti invitando i compagni all’attacco. Se proprio dovessimo trovare un neo alla sua gara sarebbe il giallo preso a partita quasi finita.

Smalling 6,5

Stesso voto anche per Chris che continua a dimostrare di essere importante in questa Roma. Ancora una volta con grande intelligenza tattica dirige la difesa giallorossa.

Kolarov 6,5

Autore di una prestazione sicuramente migliore rispetto alla precedente. E’ attento in fase difensiva e si concede anche qualche folata offensiva, compresa quella dove colpisce il palo nell’azione che porterà al secondo rigore giallorosso. Provvidenziale quando si immola sul mancino di Vlahovic che calcia a botta sicura.

Bruno Peres 6

Dopo la stratosferica partita di Ferrara ritorna sulla terra giocando una partita a due facce. Fino al 44’, quando subisce il fallo del primo rigore trasformato poi da Veretout, è da 5,5 a essere buoni. Di fatto non ne azzecca una e infatti viene annullato da Lirola. Dopo il rigore, acquista fiducia e cambia completamente atteggiamento proponendosi efficacemente nella manovra d’attacco.

Diawara 6

Bel match del guineano che abbina un straordinaria fase di copertura e di recupero palla con una buona fase di costruzione. Peccato che la sua partita venga macchiata dall’errore in marcatura su Milenkovic.
Dal 77’ Cristante 6
Entra con un buon atteggiamento in campo. Nulla di particolare ma gioca con concentrazione.

Veretout 7,5

E’ lui l’uomo in più di questa Roma. Corre per tre in mezzo al campo, ma questo ragazzo non è solo quantità, anzi. Risultata sempre fondamentale nell’alimentare la manovra abbinando appunto alla quantità anche la qualità. Che dire della doppietta di rigore! Rappresenta la ciliegina sulla torta di una bellissima prestazione.

Spinazzola 

Viene da sorridere a pensare che in occasione dello scambio con Politano fu detto di lui che fosse un giocatore rotto. E’ un motorino instancabile durante tutta la partita e in tutte le partite. È forse l’uomo più pericoloso di questa Roma che mette in grave difficoltà ad ogni sua sgroppata la difesa viola. Sovrasta completamente Chiesa ridimensionandolo e costringendolo ad impegnarsi più nella fase difensiva che quella propositiva.

Pellegrini  6

La sua è una partita fatta di tanta voglia di dimostrare chi è veramente, purtroppo però continua ad essere troppo inefficace. Anche stasera non si vedono quelle giocate illuminanti che tante volte ha potuto ammirare il pubblico dell’Olimpico. Esce per una botta fortissima presa sul naso, ovviamente gli auguriamo una pronta guarigione.
Dal 60’  Zaniolo  6
Ha mezz’ora per regalare un’altra magia per la gioia dei tifosi, ma questa volta fa il compitino. La sensazione è che, soprattutto in occasione dei duelli, sia ancora un po’ timido ovviamente condizionato dal lungo stop.

Mkhitaryan  6,5

Peccato davvero. Va vicino al gol in due occasioni, centrando anche il palo in una delle due. Come al solito Miki si dimostra giocatore di grande classe. Alimenta l’azione offensiva mettendo gli avversari continuamente in apprensione perché sanno bene che dai suoi piedi può nascere qualcosa di pericoloso.
Dall’ 82’ Carles Perez 6
Entra con il piglio giusto. Galvanizzato dal primo gol in serie A del match precedente, va molto vicino al gol con il mancino dal limite neutralizzato da Terracciano.

Dzeko 6,5

Di certo non gli si può dire nulla sulla generosità che mette in campo, sempre a disposizione dei compagni a giocare da playmaker alto. E’ decisivo quando lancia Bruno Peres generando così il calcio di rigore.
C’è invece molto da discutere sulla freddezza sotto porta che lascia molto a desiderare purtroppo.

Fonseca 6,5

Continua la striscia positiva della sua squadra, inanellando a questo punto il sesto risultato utile consecutivo. Il primo tempo i giallorossi gestiscono bene la partita nonostante una manovra eccessivamente lenta. Comunque la Roma va al riposo in vantaggio. Il secondo tempo, complice anche la stanchezza generale, i ragazzi rischiano qualcosa di più ma creano anche tanto. Dopo il pari di Milenkovic la Roma risolve la partita grazie ad un rigore concesso molto generoso, che comunque nulla  toglie ad un’ altra buona prestazione. Con i tre punti conquistati la Roma sale a +4 dal Milan e saluta il prato dell’Olimpico che non vedrà più fino alla stagione ventura.


Articolo a cura di: Darvin Shehu





Ricerca nel Blog