Minimo sforzo e massimo risultato

Minimo sforzo e massimo risultato

Dopo più di due mesi di astinenza, ritornano le notti europee. La Roma a Braga si gioca la prima fetta del passaggio del turno. Dunque per accedere agli ottavi la partita di oggi è già decisiva in ottica del doppio confronto.

Come ultimamente ci sta abituando, la Roma parte subito fortissimo e sul cross di Spinazzola, Dzeko la butta dentro al quinto di gioco. Neanche il tempo di esultare che Cristante è costretto ad abbandonare il campo per un problema fisico. Al suo posto entra Bruno Peres che occuperà la fascia sinistra facendo scalare Spinazzola nella difesa a 3. Complice anche la rete, la gara viaggia su ritmi alti sin dai primi minuti. I giallorossi concedono il possesso agli avversari puntando molto sulle ripartenze veloci per poter colpire il Braga. I portoghesi con la palla tra i piedi cercano di rendersi pericolosi ma rimangono imprecisi e inconcludenti. Occasionissima per i giallorossi alla mezz’ora quando, su una bella azione sviluppata in verticale, prima Mkhitaryan e poi Pedro da ottima posizione non trovano la porta perché murati dalla retroguardia lusitana. Al trentottesimo l'ex Barcellona va nuovamente vicino al gol su una bella verticalizzazione di Mkhitaryan ma Matheus non si fa sorprendere. Negli ultimi minuti del primo tempo i capitolini si schiacciano un po’ troppo e subiscono la pressione avversaria. Nonostante ciò il primo tempo termina senza che la Roma subisca più di tanto e anzi è lei la squadra più vicina al gol tra le due.

La ripresa inizia nel peggiore dei modi per i giallorossi che perdono Ibanez per infortunio. Fonseca è costretto a reinventare una difesa totalmente inedita con Mancini al cento, Karsdorp e Spinazzola a fare i braccetti e Veretout sulla corsia destra. Poco dopo il Braga rimane in 10 per via dell’ingenua seconda ammonizione di Esgaio. I giallorossi provano a sfruttare subito la superiorità numerica ma il gol di Micky sul tagliente traversone di Veretout viene annullato per un fuorigioco millimetrico dello stesso armeno. La Roma manca il raddoppio ancora una volta su un’azione molto simile a quella che ha portato al gol, ma questa volta Dzeko non trova la rete. Per lunghi tratti i capitolini rallentano il ritmo dando l’impressione di accontentarsi del risultato. Di colpo all’ottantaseiesimo i giallorossi cambiano passo e confezionano un’azione da manuale che termina con la rete del subentrato Mayoral. Termina anche la seconda frazione di gioco con il parziale di 2-0 a favore della Roma

I giallorossi pur non conducendo una partita straordinaria si dimostrano una squadra cinica ed efficace. Peccato per gli infortuni che rappresentano la nota negativa del match e che daranno dei bei grattacapi da risolvere al mister. Comunque, il risultato sorride ai capitolini che grazie alla prestazione di questa sera compiono un bel passo convincente in avanti verso gli ottavi di  Europa League.


A cura di: Darvin Shehu

Ricerca nel Blog