Le pagelle del mercato, tante insufficienze

Le pagelle del mercato, tante insufficienze

La sessione estiva di calciomercato è terminata, ora è giunto il tempo di tirare le somme. Ecco i nostri voti:
Mattia Anconetani - Voto 4.5: In uscita la Roma sfoltisce una rosa stracolma di esuberi, ma non completa del tutto la missione. In entrata è un disastro arrivano Pedro, Smalling e Kumbulla, la rosa resta comunque arrangiata, incompleta e piena di mancanze, nel complesso è un ibrido di giocatori all'altezza e altri fuori luogo. Mediocre il lavoro delle trattative, troppi affari saltati banalmente. 


David Grigore - Voto 5: Il mercato della Roma è stato abbastanza assente. Rispetto allo scorso anno non ci siamo rinforzati in nessun reparto. Pessima la gestione dell’acquisto di Smalling, ci vuole più professionalità!.   

Riccardo Di Giorgi - Voto 5: Abbiamo preso Smalling ed ok, va bene. Ma è troppo poco. Abbiamo fuori rosa (Jesus) e fino, e per davvero, alla fine Smalling ancora non c’era. Abbiamo dato via Under, Schick, Kluivert e Perotti senza neanche un sostituto, ecco che siamo punto d’accapo. Se prima il problema era la difesa ora è l’attacco. Troppo poco, troppo poco Mayoral, troppo poco il mercato.. INSUFFICIENTE.

Darvin Shehu - Voto 5: Perché la società ha operato bene per quanto riguarda le cessioni, anche se rimane ridicolo il fatto che Florenzi sia stato regalato al PSG senza neanche trovare un sostituto. In entrata il calciomercato è stato davvero disastroso, unico guizzo l’acquisto di Pedro che aumenta il tasso tecnico della trequarti. Finalmente è arrivato Smalling che sicuramente è un acquisto importante ma è arrivato troppo tardi in un finale di calciomercato al cardiopalma. Altra nota di merito il fatto di non aver venduto nessuno dei giocatori importanti per il progetto. Non mi è piaciuto per niente il fatto che la Roma si sia completamente scordata della fascia destra dove saremo in emergenza per tutto l’anno perché Peres, Karsdrop e Santon sono giocatori poco affidabili sia come rendimento sia dal punto di vista fisico. Bene anche le cessioni di Under e Kluivert, malissimo il fatto che non siano stati rimpiazzati da un ottimo El Shaarawy che avrebbe dato un valore aggiunto alla rosa. La Roma affronta la nuova stagione con una rosa molto corta perché abbiamo 5 centrali per 3 posti, a sinistra non conosciamo il valore di Calafiori in assenza di Spinazzola, sulla trequarti c’è solo Carles Perez come soluzione ai titolari. In generale la sensazione che ho avuto è che sia stato il calciomercato a fare la Roma e non la Roma il calciomercato.

Francesco Grani - Voto 5,5: Mezzo punto in più di 5 perchè sono riusciti a prendere Smalling, ma meno di 6 perchè: Smalling andava preso un mese fa, manca l’esterno destro, manca il rimpiazzo sulla mediana, e manca un esterno attaccante.

Valerio Albertini - Voto 5,5: Giudizio: Premesse tutte le difficoltà di un mercato condizionato dalle gravissime perdite economiche post Covid-19, dal cambio di proprietà arrivato a pochi giorni dall’inizio della sessione e dalla mancanza di un direttore sportivo, il lavoro della Roma in fase di mercato non può essere sufficiente. Assodata la bocciatura a Pau Lopez, non si è riusciti a piazzarlo e si è rimasti con un portiere titolare di 37 anni che, pur essendo ancora estremamente affidabile, non può rappresentare il futuro di questa squadra tra i pali. In difesa si è provveduto, con clamoroso ritardo, a riportare Smalling nella capitale che, con l’ottimo acquisto di Kumbulla e attraverso le conferme di Ibanez e Mancini, rappresenta un’ottima base per il presente e il futuro. La coperta, però, è un po’ corta in quanto Jesus, che ancora una volta non si è riusciti a piazzare, è fuori rosa e difficilmente verrà reintegrato. Fazio può rappresentare ancora un ricambio valido, ma Fonseca non lo vede molto. Sulle fasce accettabile la cessione di Kolarov e la promozione di Calafiori, mentre la scelta di non intervenire a destra potrebbe rivelarsi disastrosa in quanto Karsdorp, Bruno Peres e Santon non sono giocatori affidabili né dal punto di vista fisico né da quello tecnico. A centrocampo non è stato preso il regista che serviva e a Trigoria sperano che Pellegrini e Diawara possano sopperire all’assenza di un vero costruttore di gioco. Sulla trequarti la situazione è abbastanza paradossale. Si è passati dall’avere un’abbondanza all’essere in pochi. Giuste le cessioni di Under, Kluivert e Perotti perché non funzionali rispetto al progetto tecnico dell’allenatore lusitano, con l’infortunio di Zaniolo e l’arretramento di Pellegrini, però, le alternative agli splendidi ultratrentenni Pedro (grande acquisto) e Mkhitaryan si sono ridotte al solo Carles Perez e alla speranza di ritrovare Pastore. Infine, rivedibile la gestione del caso Dzeko-Milik e tutto da scoprire l’apporto che Borja Mayoral potrà offrire alla causa giallorossa. Ottime le uscite di Schick, Defrel e Gonalons.

Francesco Mazzotta - Voto 6-: La mancanza di un vero ds si è fatta sentire, anche se Fienga alla fine non ha fatto cosi tanto male. Si sono tenuti i migliori, siamo riusciti a riprendere Smalling e un giovane interessante come Kumbulla, ma non abbiamo mandato via tutti gli esuberi. Non è una sufficienza piena anche perchè alcuni reparti si potevano rafforzare, come ad esempio la fascia destra e forse anche il centrocampo, visto che ad oggi manca uno che sappia impostare il gioco. Da considerare anche la trequarti, prima il reparto più coperto, mentre oggi è quello con la coperta più corta.

Mirko Calveri - Voto 6: In generale, un mercato ottimo in uscita, mi aspettavo un giocatore in più, magari un esterno destro, che potesse migliorare la rosa.

Rodolfo Parenti - Voto 6: La Roma in una situazione di difficoltà economica riesce a mantenere i calciatori più forti , compra Smalling e piazza tanti esuberi. A livello di valore è simile allo scorso anno, non c'è un netto miglioramento, considerando anche le possibilità economiche.  

Alessandro Ruggieri - Voto 6: Mantenere i migliori, liberarsi di esuberi, acquistare un giovane come Kumbulla e aggiungere esperienza con Pedro e Smalling. Sebbene la Roma non abbia fatto tutto il possibile, con il ruolo vacante di ds non é possibile probabilmente fare meglio. Troppo importante la conferma di Chris per quanto sudata, L'arrivo di Pedro passato inosservato inspiegabilmente e la speranza che Borja Mayoral porti i gol che mancano alla Roma.

Gabriele Cipriani - Voto 7: Non è 7,5 per l'operazione Florenzi senza senso, tutte le operazione sono ponderate e buone da un punto di vista economico e non ci sei andato a perdere. Poteva essere di più con la permanenza di Alessandro Florenzi.

Paolo Paolino - Voto 9: Una delle società più attive sul mercato, sopratutto nell'ultimo pazzo giorno, ogni giallorosso ha sparato che Chris potesse firmare, beh alla fine lo United ha ceduto e Smalling é di nuovo giallorosso. In difesa ottimo l'acquisto di un giovane Kumbulla , capace di ben figurare già contro la Juve. Ottima mossa anche il vice Dzeko ovvero Borja Mayoral arrivato dal Real. Dai giovani passando per l'infinita esperienza di Pedro , già decisivo contro l'Udinese. Ottimo mercato anche in uscita considerando il cambio di proprietà e l'addio di Petrachi, per me Fienga si é ben mosso cedendo Schick, Under , Kluivert, Kolarov, Olsen e Perotti ( finalmente). Peccato per la ciliegina sulla torta del mancato ritorno del Faraone. Altra piccola pecca: cedere Florenzi e non Santon!!! Perché? Perché?

Ricerca nel Blog