L'avversario che vorrei

L'avversario che vorrei



È Marco Davide Faraoni l'avversario della prossima partita che vorrei vedere in maglia giallorossa.
Classe '91, nato a Bracciano alle porte di Roma, comincia a dare i primi calci al pallone nella compagine locale, finchè non viene notato dalla Lazio che gli apre le porte del suo settore giovanile, l'Inter poi lo strappa ai biancocelesti e nella stagione 2011/2012 lo lancia nel grande calcio. Alti e bassi da quel momento, passato all'Udinese viene sballotato tra Watford e Udine, poi i prestiti al Perugia e al Novara, fino all'avventura a Crotone dal 2017 al 2019. Passa poi al Verona dove arriva alla consacrazione.
Si è distinto nell'ultima stagione rivelandosi una bellissima sorpresa, sfornando diverse prestazioni importanti con la maglia dell'Hellas Verona al servizio di Ivan Juric.
Nasce terzino, ma mostra subito spiccate doti offensive, infatti giocando esterno di centrocampo e spalleggiato da una difesa a tre riesce a dare il meglio di sè in entrambe le fasi di gioco.
Oltre ad essere un ottimo crossatore, spesso quando si spinge in attacco stringe centralmente il campo per cercare la conclusione, garantisce infatti oltre che diversi assist anche qualche gol.
Nel 3-4-2-1 di Fonseca starebbe a meraviglia, è lo stesso modulo usato da Juric, quello che l'ha reso grande. La Roma ha certamente un buco da tappare in quella zona di campo e il dinamismo e la continuità di Faraoni farebbe di certo bene per accendere un reparto spento dalla discontinuità dei suoi interpreti.

A cura di: Mattia Anconetani
Ricerca nel Blog