L'analisi dell'avversario-Il Sassuolo di De Zerbi

L'analisi dell'avversario-Il Sassuolo di De Zerbi

Basato su un 4-2-3-1, il calcio di De Zerbi è incentrato sul possesso palla, utilizzando tatticismi al quanto complessi.
Il Sussolo predilige una costruzione del gioco che parte dal basso, dai piedi dei centrali, tirando spesso in causa anche il portiere, Consigli.
I terzini agiscono in modo alternato, uno si allarga l'altro stringe, uno resta basso, l'altro spinge. Più o meno vale lo stesso per i due mediani, uno si abbassa per dettare il passaggio e costruire l'azione, mentre l'altro resta nel mezzo pronto a fare da raccordo tra la difesa e i trequartisti.
Gli esterni d'attacco sono sempre molto larghi, danno ampiezza al reparto offensivo aprendo così centralmente le difese avversarie, per consentire le incursioni di Ciccio Caputo (grande assente della sfida dell'Olimpico), Djuricic e dei due centrocampisti mediani.
Inoltre Berardi e Boga che giocano a piede invertito rispetto alla fascia di competenza, sono dotati di grande tecnica e rapidità, attraverso una complessa rete di smarcamenti, tagliano verso il centro diventando estramamente pericolosi poichè possiedono anche un gran fiuto del gol.

Senza palla invece praticano un pressing molto alto, prendendosi quindi grandi rischi di subire contropiede, soffrono contro squadre abituate a giocare di ripartenza e a chiudere bene gli spazi in fase difensiva.

La Roma non è certo questo tipo di squadra, abituata a chiudersi per poi ripartire, anzi, è piuttosto simile ai neroverdi nel modo di giocare, ma gli uomini di Fonseca hanno ormai trovato una certa solidità difensiva, grazie anche al cambio modulo, e sono bravi a costruire una manovra fluida e rapida che potrebbe spaccare la retroguardia di De Zerbi in ripartenza.

Parliamo però di una partita in cui può accadere di tutto, una gara che può essere considerata un big match a tutti gli effetti, visto che il Sassuolo occupa la seconda posizione e i giallorossi la terza, con un solo punto a dividere le due squadre... sicuramente sarà una partita ad alto ritmo, ricca di gol e di emozioni, i tatticismi dei due allenatori faranno la differenza e incideranno sicuramente sulla sfida.

A cura di: Mattia Anconetani
Ricerca nel Blog