La Roma non decolla

La Roma non decolla

Dopo i 3 punti persi a tavolino contro il Verona, i giallorossi esordiscono allo Stadio Olimpico sostenuti da 1000 tifosi contro l’avversario più difficile, i 9 volte campioni d’Italia. Fonseca lancia l’ormai consueto 3-4-3, anticipato già in conferenza stampa, con quattro novità rispetto alla gara di Verona. Kumbulla inserito nella difesa a tre sul lato sinistro sfodera un ottima prestazione presentandosi al meglio con la nuova maglia addosso. Bene anche Santon schierato sulla fascia destra che fa buona guardia su Cuadrado e le sue folate offensive. Le altre novità sono Pellegrini in mezzo al campo accanto a VeretoutDzeko a fare la punta.
C'è da dire che la Roma stasera ha affrontato la partita con il piglio giusto, con la giusta attenzione concedendo davvero pochissimo alla Juve. Grande voglia di sacrificarsi e abnegazione da parte di tutti, senza mai rinunciare a far male all'avversario soprattutto grazie a MkhitaryanDzeko sempre al centro delle azioni giallorosse. La strategia di Fonseca paga perchè al trentunesimo Veretout ci porta in vantaggio trasformando il rigore conquistato. I bianconeri, che fino ad allora non avevano impensierito Mirante, pareggiano la partita grazie ad un rigore conquistato, per mani sfortunato di Pellegrini, e realizzato da Cristiano Ronaldo. La Roma non molla e sugli sviluppi di una ripartenza perfetta, in pieno recupero, ritorna in vantaggio ancora con il gol del francese ben servito da Miky
Nella ripresa la musica non cambia, i bianconeri continuano ad essere davvero poco efficaci e rimangono anche in 10 per l'espulsione di Rabiot, mentre i capitolini sprecano le palle gol decisive per chiudere la partita. La vecchia legge del calcio, 'gol sbagliato gol subito', si abbatte contro i padroni di casa e allora Cr7 pareggia i conti grazie anche ad una dormita difensiva. Si conclude in pareggio un match che la Roma meritava di vincere.
Guardando alla prestazione della squadra c'è davvero poco da dire e per questo vanno fatti i complimenti ai ragazzi ma anche al mister che li mette in campo e anche bene. Purtroppo la Roma paga la poca freddezza sotto porta, e se a Verona si era detto che i 3 punti non fossero arrivati per mancanza del centravanti, fa sorridere e pensare che oggi la vittoria è sfumata proprio per gli errori di Dzeko. Sta di fatto che nei 90 minuti i giallorossi hanno avuto diverse palle gol concedendo ai bianconeri appena un tiro in porta, eppure il risultato condanna i padroni di casa ad un punticino.
Di positivo ci sono le prestazioni perchè la squadra, nonostante le grandi mancanze ancora oggi presenti nell'organico della rosa, ha giocato e meritato nelle prime due giornate di campionato però il ruolino di marcia giallorosso rimane davvero pessimo: due pareggi sul campo e un solo punto in classifica in due partite. C'è molto da lavorare, così proprio non va.


A cura di: Darvin Shehu

Ricerca nel Blog