La moviola di Atalanta-Roma, manca un rigore ai bergamaschi?

La moviola di Atalanta-Roma, manca un rigore ai bergamaschi?

Atalanta e Roma si sono affrontate per la 13a giornata di Serie A. L'incontro è stato diretto dal signor Marco Di Bello della sezione di Brindisi.

La moviola:

Primo tempo:
1' Scontro Pessina-Mancini, l'ultimo tocco è del giallorosso ma l'arbitro assegna erroneamente la rimessa dal fondo;

32' Scontro in area di rigore tra Mancini e Zapata, il colombiano cade e reclama un calcio di rigore totalmente inesistente, dato che il centrale giallorosso prende chiaramente il pallone, corretta dunque la decisione del direttore di gara;

35' Prima ammonizione della partita ai danni di Pellegrini, il quale sgambetta da dietro Malinovskyi;

36' Ammonito anche Malinovskyi, in scivolata ferma una ripartenza avviata da Pellegrini. Precedentemente c'era stato un tocco di mano di Ibanez, ritenuto involontario dal direttore di gara, in ogni caso il contatto è avvenuto fuori dall'area di rigore, e ciò ha impossibilitato l'intervento del VAR;

38' Altra ripartenza fermata da Romero, il quale entra duramente, da dietro, su Dzeko, giusto il giallo per il centrale argentino;

Secondo tempo:
54' Ammonito Gasperini per proteste;

56' Karsdorp entra in scivolata su Gosens, l'olandese entra nettamente sul pallone, inutili le proteste dei calciatori che chiedevano il penalty, anche qui corretto il giudizio di Di Bello;

57' Ammonito Mirante per perdita di tempo;

63' Giallo anche per Mancini, il quale trattiene per la maglia Malinovskyi;

Marco Di Bello - Voto: 7,5; Una partita rognosa, gestita egregiamente. Non era facile dirigere una partita del genere, soprattutto dopo le molteplici polemiche relative alla classe arbitrale, finalmente una partita senza errori arbitrali. Per quanto riguarda il VAR (Irrati e Tolfo), non sono stati chiamati in causa praticamente per nessun episodio. Bene invece gli assistenti (Longo e Cecconi), bravo anche il IV uomo (Ayroldi), il quale ha segnalato correttamente gli artefici delle proteste, prontamente puniti dal direttore di gara.

A cura di: Francesco Mazzotta.

Ricerca nel Blog