I nostri voti ai calciatori giallorossi

I nostri voti ai calciatori giallorossi

Dopo aver valutato nel complesso la stagione giallorossa, ora è arrivato il momento di giudicare ogni singolo calciatore. 

Pau Lopez / Voto: 5; Grandi aspettative stroncate sul nascere. Pagato fior di milioni, arriva nella capitale con la nomea del portiere bravo con i piedi, peccato però che in questo ruolo servano soprattutto le mani per parare e non per fare le papere (quella nel derby la più oscena).

Mirante / Voto:  6.5; Il perfetto numero 12, accetta il posto da riserva, anche se in realtà non lo merita. Quando viene chiamato in causa risponde sempre presente, dà più sicurezza lui dello spagnolo.

Fuzato / Voto: S.V; Impossibile sancire un verdetto finale per una sola apparizione. Ha sicuramente delle potenzialità. 

Smalling / Voto: 7,5; Arriva tra lo scetticismo generale a causa delle prestazioni non del tutto sufficienti con il Manchester United e invece sorprende tutti adattandosi alla grande e in pochissimo tempo al calcio italiano. Il perno e il leader della difesa giallorossa, la sua assenza contro il Siviglia si è fatta sentire.

Mancini / Voto: 7; Altalenante ma decisivo, in coppia con Smalling gioca alla grande. Si adatta subito a più ruoli rivelandosi tatticamente intelligentissimo. Un grande Uomo e un grande professionista, il futuro della nazionale e perchè no anche della Roma.

Ibanez / Voto: 6,5; Arrivato come oggetto misterioso nel mercato di Gennaio, si conquista subito la fiducia del mister. Mette in mostra delle grandi potenzialità, è ancora immaturo ma ha grandi margini di miglioramento, è sicuramente una lieta sorpresa.

Fazio / Voto: 5; Il comandante ha perso lo smalto dei giorni migliori. Un pò troppo pasticcione, non da più sicurezza, gli errori che una volta erano limitati e accompagnati da una continuità di prestazioni importanti, ora sono aumentati. Anche lui sembra aver fatto il suo tempo.

Cetin / Voto: S.V; Anche la stagione di Cetin non è giudicabile per le poche presenze. Il turco acquistato da Petrachi non è riuscito a imporsi nella difesa giallorossa. Ora in prestito all'Hellas Verona potrà dimostrare tutto il suo potenziale per cercare di ritornare in orbita Roma.

Juan Jesus / Voto: 4; Di lui si ricordano solo i disastri. A causa dei troppi errori si è visto sparire sia dall'undici titolare e sia dai convocati. È l'ultima scelta per Fonseca e salvo ripensamenti lascerà la capitale nella prossima sessione di mercato, anche a causa del suo pesantissimo ingaggio.

Kolarov / Voto: 6; Da esterno ha regalato le prestazioni migliori, straordinario in fase offensiva, a tratti disastroso in quella difensiva. Segna ma soprattutto da calcio piazzato, i troppi errori difensivi lo penalizzano, forse l'età inizia a farsi sentire...

Bruno Peres / Voto: 6; Torna con una gran voglia di giocare e farsi vedere. Fonseca gli da fiducia e lo piazza come quinto di fascia, ruolo che gli si addice alla perfezione a causa dei suoi limiti in fase difensiva. Nel post lockdown diventa il valore aggiunto di questa Roma, anche se in alcuni momenti appare sottotono. 

Spinazzola / Voto: 6.5; Inizia la stagione faticando con la difesa a quattro, tanto da essere quasi ceduto all'Inter. Proprio il rifiuto dei nerazzurri lo galvanizza, e anche grazie al nuovo modulo diventa devastante, bene anche in fase difensiva. 

Zappacosta / Voto: S.V; Arriva a Roma in prestito e si rompe subito. Gioca poche partite ma non fa nulla di straordinario. 

Santon / Voto: 5; Inizialmente ruba il posto anche a Florenzi, ma a lungo andare escono fuori tutti i suoi limiti. Viene condizionato anche dai tanti infortuni e per un pò sparisce. Con la difesa a quattro poteva considerarsi una discreta riserva, ma con il nuovo modulo sarà veramente difficile trovargli una collocazione in mezzo al campo.

Diawara / Voto: 6.5; Anche lui arriva tra gli scetticismi generali ma dimostra subito di meritarsi la Roma. Mette a nudo tutte le sue qualità da playmaker basso, poi si rompe il menisco e ci mette un pò per tornare ai livelli pre-infortunio, soprattutto nelle prime partite del post-covid. 

Cristante / Voto: 4,5; Stiamo aspettando ormai da troppo tempo di vedere ripagato l'investimento fatto dalla società. Ci mette l'impegno ma purtroppo non basta, è lento e macchinoso, non gioca bene da mediano ma d'altronde quello è il suo ruolo.

Veretout / Voto: 7,5;  Centrocampista completo, il motore di questa Roma. Si carica sulle spalle il centrocampo giallorosso nelle giornate più difficili e si dimostra nettamente il più continuo tra i romanisti del suo stesso ruolo. Attacca, difende e segna pure, è diventato sicuramente uno dei punti fermi di questa Roma.

Villar / Voto: 6; Anche lui gioca poche partite ma mostra grandi sprazzi di talento. Ci sono grossi margini di miglioramento e sinceramente meriterebbe più spazio.

Pellegrini / Voto: 6; Il suo voto è più una media tra il 7 del girone d'andata e il 5 del post lockdown. È l'assist man della Roma, dopo la ripresa del campionato fa un enorme passo indietro, forse paga la pressione del romano romanista, oppure semplicemente la scarsa condizione fisica.

Zaniolo / Voto: 7; L'infortunio non ne scalfisce la crescita. È il futuro della Roma, gol, assist e una forza fisica impressionante, deve solamente gestire la troppa foga. Un talento puro e cristallino.

Perotti / Voto: 5; Il Monito ci ha fatto divertire in passato, ma ora siamo al momento dell'addio. Troppi gli infortuni e troppa la concorrenza, la partita contro l'Udinese rappresenta perfettamente la sua stagione insufficiente, poco decisivo se non dagli undici metri e nell'ultima partita contro la Juventus con i verdetti già sanciti.

Pastore / Voto: 5-; Un talento ed una classe che in pochi hanno, ma purtroppo il fisico non regge. Gioca pochissime partite in cui regala qualche sprazzo della sua immensa classe, ma alla fine risulta poco utile alla causa giallorossa.

Mkhitaryan / Voto: 7; L'armeno va come un treno. Ha una media gol impressionante, nella prima parte anche lui deve fare i conti con alcuni acciacchi, ma alla fine non lo condizionano più di tanto. Porta tanta esperienza e qualità, vedremo come si comporterà con Pedro.

Carles Perez / Voto: 6,5; Arriva a Gennaio e supera subito nelle gerarchie i vari Under e Kluivert. Un grande talento abbinato ad una grande intelligenza, si dimostra pronto per una grande squadra come la Roma.

Under / Voto: 5; Passi indietro evidenti nel percorso di crescita del turco, il giocatore visto quest'anno è un lontano parente di quello ammirato con Di Francesco. Parte bene, poi si fa male e non è più lo stesso. Enormi qualità ma troppo discontinuo.

Kluivert / Voto: 5,5; Nella prima parte di stagione sembra maturato molto, è addirittura uno dei migliori in campo, anche grazie ai gol messi a segno, poi si spegne fino a sparire. 

Kalinic / Voto: 6-; L'ombra di Edin si fa sentire e si vede. Inizia male, quasi impaurito, poi inizia a prendere un pò di coraggio e mette a segno anche qualche gol. Nello corso della stagione ha dimostrato di essere un calciatore discreto.

Dzeko / Voto: 8; Leader assoluto di questa squadra, la fascia da capitano non poteva finire in mani migliori. 34 anni e non sentirli, segna 20 gol tra campionato e coppe e quando non va a segno si rende utile per la squadra. Il cigno di Sarajevo continuerà a mostrare la sua bellezza per molto tempo, perchè i veri campioni sono come il vino, più invecchiano e più migliorano.

Fonseca / Voto: 6,5; Primo anno più che sufficiente. Ad inizio stagione ha qualche difficoltà ma riesce a rimediare. Si adatta subito al calcio italiano, non ha paura di osare e il cambio di modulo ne è la prova. Si poteva sicuramente fare di più, ma ci sono grandi margini di miglioramento. Deve migliorare nel fare i cambi durante la partita.

La redazione: I Romanisti.

Ricerca nel Blog