Ettore Viola sul cambio di proprietà: “Tanto vale che restasse Pallotta”

Ettore Viola sul cambio di proprietà: “Tanto vale che restasse Pallotta”

 Parla l’avvocato Ettore Viola nella trasmissione Bar Forza Lupi in onda su Centro Suono Sport. 

Molto scettico sul cambio di proprietà, Viola critica la nuova dirigenza affermando che non porterà ai cambiamenti tanto sperati dalla tifoseria. Questo perchè Dan Friedink e figlio sono imprenditori esattamente come lo era Pallotta
Minimizza poi le colpe di Pallotta dichiarando che all’ex presidente americano non interessava il calcio (cosa nota a tutti i tifosi) e critica le persone che lo hanno affiancato durante la sua permanenza, tra cui Baldini FiengaBaldissoni.

 “Secondo me le sue colpe sono minime, lui ha sempre detto che il calcio non gli interessava e quindi ha trovato delle figure che lo affiancassero, come Baldissoni e Baldini, che hanno fatto l'esatto contrario di ciò che andrebbe fatto in una squadra di calcio. Smontavano e rimontavano dimenticando che il calcio è bello quando si vince. Ora questa nuova gestione ha il vantaggio di aver investito tanti soldi, ma se vediamo che la campagna acquisti la fa Fienga che non è un uomo di calcio sembra una cosa contronatura. Spero che qualcosa cambi, ma le manovre della Roma sembrano più di salvataggio che di ricostruzione".


Francesco Grani
Ricerca nel Blog