11 settembre 2001, la Roma contro il Real Madrid nel giorno dell'attentato

11 settembre 2001, la Roma contro il Real Madrid nel giorno dell'attentato

Era l'11 settembre del 2001, ben 19 anni fa. La Roma neo campione d'Italia per la terza volta nella storia si accingeva al ritorno nella massima competizione europea, la Champions League. L'assenza dei giallorossi nella cosiddetta Coppa Campioni durò ben 17 anni, l'ultima apparizione fu proprio nel 1984 nella storica finale persa ai rigori contro il Liverpool. Sulla panchina c'era Fabio Capello, un'annata d'oro, scudetto e ritorno, o meglio esordio nella nuova competizione rinominata Champions League dal 1992.

All'Olimpico arrivano i blancos di Vicente Del Bosque, il quale in conferenza cerca di alzare l'attenzione dei suoi, visto il brutto inizio di stagione in campionato, un solo punto nelle prime due giornate. Ci sono tutti i presupposti per una grande serata, ma all'improvviso alle ore 15:45 in Italia arrivano tragiche notizie da New York. Due aerei si sono schiantati sulle Torri Gemelle, l'ipotesi (che poi sarà confermata) è quella di un attentato terroristico. Verso le 18 (ora italiana) arrivano le prime telefonate, Franco Carraro, presidente della FIGC, e Franco Sensi, storico presidente della Roma, entrambi chiedono l'annullamento della partita, richiesta che alla fine non verrà accettata. 

Alle 20:45 c'è il fischio d'inizio, l'Olimpico è stracolmo di tifosi, pronti a gustarsi uno spettacolo indimenticabile ma che sarà inevitabilmente condizionato. L'incontro fini con una sconfitta dei giallorossi per 2 a 1 con le reti di Figo e Guti per i blancos e di Totti per la Roma, anche se la partita sarebbe potuta finire in pareggio viste le molteplici occasioni create ma non sfruttate. Nel post partita Capello e Totti accettano la sconfitta, ma ribadiscono che non si doveva giocare. Il più incazzato è il presidente Sensi "È dalla fine della seconda guerra mondiale che non si vedevano scene così. Una tragedia del genere meritava un'interruzione del calcio". Dopo pochi minuti fu presentato Panucci, preso per rinforzare una Roma evidentemente in calo rispetto allo scorso anno.

A cura di: Francesco Mazzotta.

Ricerca nel Blog